Non sei loggato (Login)

Ricerca Veloce

  • Inutility e Linx

    • Banner
    • Blog
    • Chat
    • Foto (Cumpa)
    • Foto (EelST)
    • Foto (Macros)
    • Foto (Mas Turbato Reum)
    • Foto (Meme Party)
    • Foto (Xuk.ru)
    • Ghestbuk
    • History
    • KAAAAAAASTROX!




    • Questo forum è stato realizzato da Marok basandosi sul progetto open-source Vanilla 1.1.5a, realizzato da Lussumo. Su Internet trovate la Documentazione e la Comunità di Nerd che ci stanno dietro. A breve, rilascerò il codice sorgente di questo forum... giusto il tempo di rileggere con calma le minkiate che ho scritto! :)

Vanilla 1.1.5a is a product of Lussumo. More Information: Documentation, Community Support.

    •  
      CommentAuthorManovella
    • CommentTime28/01/2010, 23:12
      8 punti
    Ecco una sezione dedicataai libri mancava.
    Percheè l'ho aperta? E chi lo sa.

    No vabbè ne approfittavo del "mancamento" di Salinger per chiedere a chi di voi è poiaciuto il giovane holden.
    ecco tutto qui.

    Ora come nei miglior forum,dovrebbe partire una discussione sui libri i ngenerale.
    su su su
    • CommentAuthorformytesa
    • CommentTime28/01/2010, 23:14
      0 punti
    guarda....direi che è diversamente leggibile! :)
    •  
      CommentAuthorPhlo
    • CommentTime29/01/2010, 00:24
      3 punti
    a me il giovane holden era piaciuto tantissimo, con tutti i suoi vattelapesca
    •  
      CommentAuthorChoolaudia
    • CommentTime29/01/2010, 09:22
      0 punti
    Non sono impazzita per il Giovane Holden, ma l'ho letto tanto tempo fa... dovrei dargli un'altra possibilità... forse...

    Cmq Manov: viva viva il thread sui libri!!
    •  
      CommentAuthorKlàpač
    • CommentTime29/01/2010, 10:11 modiFICAto
      0 punti
    Uno dei libri che più mi è piaciuto in assoluto è "A Sangue Freddo", romanzo-reportage di Truman Capote. Un mattonazzo che ho fatto fuori in 3 giorni... non riuscivo a staccarmici.

    Certo, è un po' crudo, soprattutto se si pensa che ciò che viene raccontato è accaduto realmente, quindi probabilmente alcune persone troppo sensibili non riuscirebbero a far fronte a certi dettagli da pelle d'oca.

    E, come spesso accade, a mio parere il film uscito 2005 non rende affatto l'atmosfera che si respira nel libro... la scrittura di Capote è impareggiabile.
    •  
      CommentAuthorChoolaudia
    • CommentTime29/01/2010, 10:15
      0 punti
    Sapete che non ho mai letto nulla di Capote? Dovrei, credo...

    Ora ho per le mani Nick Hornby, "Tutto per una ragazza". Piacevolissimo romanzo di uno dei miei autori preferiti!
    •  
      CommentAuthorsae
    • CommentTime29/01/2010, 10:24 modiFICAto
      0 punti
    Avevo letto "Il Giovane Holden" qualche tempo fa, ma non mi aveva fatto cappottare dalla sedia.

    Invece nel film “6 gradi di separazione” – film del 1993 diretto da Fred Schepisi (tratto dall'omonima commedia teatrale di John Guare) il libro appare come fondamentale.
    Ecco la trascrizione che ho fatto tempo fa del monologo(mentre il resto del mondo trombava), l'attore che lo "declama" è Will Smith:

    "Un supplente di una scuola di Long Island fu licenziato per una lite con uno studente. Dopo una settimana è tornato in quella classe, ha sparato allo studente, senza ucciderlo, ha preso la classe in ostaggio e alla fine si è sparato, uccidendosi. Una cosa mi ha incuriosito: una frase scritta dal Times: Un vicino ha descritto l’insegnante come una brava persona che leggeva sempre il Giovane Holden.

    Quel povero Chapman, che uccise John Lennon: lo aveva fatto solo per attirare l’attenzione del mondo sul Giovane Holden e disse che quella lettura sarebbe stata la sua difesa.

    Il giovane Hickly, quello che sparò a Reagan e al suo addetto stampa, disse: se volete la mia difesa non dovete far altro che leggere il Giovane Holden.

    Lo chiesi in prestito ad una mia amica per vedere cosa avesse sottolineato e lo rilessi perchè volevo cercare di capire perchè questo romanzo bellissimo, toccante, intenso, pubblicato nel luglio del ’51, si sia trasformato in un manifesto dell’odio. Ho cominciato a leggerlo, è esattamente come me lo ricordavo: tutti quanti sono fasulli!

    Pagina 2: mio fratello vive a Hollywood, fa la prostituta.
    Pagina 3: Che razza di fasullo era suo padre
    Pagina 9: La gente non si accorge mai di nulla.
    Poi a pag. 22 mi si sono rizzati i capelli:be’, vi ricordate il vecchio Holden Caulfield, il classico ragazzo sensibile con il suo berretto rosso da caccia al cervo. La caccia la cervo: accidenti!

    “Ci ho chiuso un occhio come per prendere la mira”: E’ un berretto per sparare alle gente. Ci sparo alle persone con quel berretto.

    Questo libro prepara la gente a momenti di grandezza mai immaginati prima. Poi a pag. 89: “preferirei buttare qualcuno dalla finestra o staccargli la testa con una accetta, che dargli un pugno in faccia. Odio le scazzottate: quello che più mi fa paura più la faccia dell’altro”.

    Ho finito il libro, è una storia toccante. E’ comico perchè lui vuole fare tante cose, ma non riesce a fare niente.

    Odia le falsità e sa solo mentire agli altri. Vuole essere voluto da tutti, ma è solo pieno d’ odio e completamente egocentrico. In altre parole: il ritratto piuttosto fedele di un adolescente maschio.

    E... quello che trovo più inquietante, non del libro in sè ma dell’alone che lo circonda è questo:

    il tema centrale è la paralisi, il ragazzo .......... a funzionare e alla fine quando sta per scappare e cominciare una nuova vita, si mette a piovere e lui rinuncia.

    Ora non c’è niente di male a scrivere della paralisi emotiva e intellettuale, potrebbe anche essere, grazie a Checov e Samuel Becket, il grande tema dei nostri tempi: le ultime straordinarie battute di Aspettando Godot:
    -Andiamo
    -Sì
    -Andiamo
    Didascalia: i due non si muovono

    L’alone che circonda questo libro che dovrebbe essere letto da tutti tranne che dai ragazzi è questo: il libro deforma come in uno specchio e distorce come in un altoparlante rotto una delle grandi .......del nostro tempo: la morte dell’immaginazione. Perchè cos’altro è la paralisi?!?

    L’immaginazione è stata così svilita che ad un certo punto l’immaginazione, anzichè essere interno alla nostra esistenza, oggi è sinonimo di qualcosa che è totalmente al di fuori di noi, come...come la fantascienza o, che so io, l’uso delle fettine di mandarino o di arancio sulle braciole crude di maiale.

    Ecco:una ricetta estiva fantasiosa.

    E guerre stellari: così pieno di immaginazione. E star Trek : così pieno di immaginazione. E il Signore degli anelli...tutti quei nanetti: quanta immaginazione!

    Oggi l’immaginazione ha cessato di rappresentare il nostro collegamento, il collegamento più profondo, tra la vita degli uni e il mondo al di fuori, in cui viviamo tutti:

    cos’è la scrivania, se non lo stato in cui quello che c’è qui dentro non corrisponde a quello che c’è di fuori. Perchè l’immaginazione è diventata un sinonimo di stile?!?

    Io ritengo che l’immaginazione sia il passaporto che noi ci costruiamo per entrare nel mondo della realtà. Io credo che l’immaginazione sia solo un altro modo di definire l’unicità di ognuno di noi.

    Jung dice: il peccato più grande è l’assenza di coscienza.

    Il giovane Holden dice: quello che più mi fa paura è la faccia dell’altro. Non sarebbe tanto male se potessimo essere tutti e due bendati. Molte volte le facce che abbiamo davanti non sono quelle degli altri, ma sono le nostre ed è la peggior forma di vigliaccheria questa; avere così tanta paura di se stessi da coprirsi gli occhi piuttosto che affrontarsi. Guardarsi in faccia è la cosa più difficile.

    L’immaginazione è un dono di Dio per aiutare a rendere questo auto-esame sopportabile."

    Vi anticipo io: TL;NR
  1.   1 punto
    microservi,
    douglas coupland.

    è un libro client-server , annulla la pheega , "il tuo corpo è il tuo hard disk"
  2.   1 punto
    @Manovella: +1 infinito per l'argomento e soprattutto per il titolo del thread!
  3.   0 punti
    Io sto leggendo i Racconti della Kolima (o solo la Kolima, ora non ricordo). Lo citò una volta Roberto Saviano e lo presi come un consiglio...davvero molto bello, ve lo consiglio.
    •  
      CommentAuthorLavinia
    • CommentTime29/01/2010, 12:02
      0 punti
    Come ho scritto di là, avevo iniziato a leggere Il Giovane Holden quando avevo 15 o 16 anni, ma non mi stava piacendo granché, quindi lo abbandonai.
    Attualmente avevo in fase di lettura "Quando vi ucciderete, maestro?" di Antonio Franchini, scrittore napoletano di cui conoscevo solo il nome (e solo perché i Franchini abbondano dalle nostre parti).
    Avevo preso questo libro perché l'autore proponeva un parallelismo fra la letteratura e le arti marziali, sue due passioni, e la cosa mi aveva molto incuriosita. Il problema è che è stato più arduo di quanto pensassi, ho fatto davvero fatica a star dietro alle sue riflessioni (anche perché da un paio di anni a questa parte manco molto di concentrazione); purtroppo non l'ho finito, inoltre è scaduto il periodo del prestito e quindi l'ho riportato in biblioteca.
    Non appena finirò gli esami, leggerò qualcos'altro, anche se non ho ancora deciso.
  4.   1 punto
    a me il giovane holden è piaciuto e adesso sto rileggendo Molvania, un libro fantastico ahaha
    •  
      CommentAuthorManovella
    • CommentTime29/01/2010, 19:28
      2 punti
    io da qualche giorno ho finito About a Boy di NickHorby (autore hec mi piace assai assai!)
    ed ora sto leggendo "in Asia" di Terzani. chiunque non abbia letto mai niente di TizianoTerzani è vivamente spronato a farlo...non ve ne pentirete...anchse se è un pò l'antinerd per eccellenza! :)
    •  
      CommentAuthorChoolaudia
    • CommentTime29/01/2010, 19:51
      0 punti
    +1 per il buon Nick Hornby :)
    A me piace molto, l'ho scoperto proprio con About a boy (uno dei pochi libri che ho letto due volte).

    Se un giorno ti capitasse di non aver sottomano nulla da leggere prova Coe, se ti piace Hornby potresti apprezzarlo.

    Di Terzani ho avuto sul comodino "Un indovino mi disse" per un po' di tempo, ma non l'ho mai letto, così l'ho reso a mia mamma. Ho un po' di roba sua a casa... potrei cogliere il consiglio e metterlo sotto alla colonna dei "da leggere".
    •  
      CommentAuthorFrash
    • CommentTime29/01/2010, 20:04
      1 punto
    Io sono quasi alla fine di "Finzioni", di Jorge Luis Borges.
    Qui nevica di brutto. Err... OT.
    •  
      CommentAuthorKlàpač
    • CommentTime29/01/2010, 20:18
      0 punti
    Posted By: Frash Qui nevica di brutto

    Fess fess? Stasera devo venire a Brescia, me la posso cavare con le gomme da neve?
    •  
      CommentAuthorFrash
    • CommentTime29/01/2010, 20:56
      0 punti
    Posted By: Klàpač
    Posted By: Frash Qui nevica di brutto

    Fess fess? Stasera devo venire a Brescia, me la posso cavare con le gomme da neve?

    Credo di sì. Che fai di bello?
    •  
      CommentAuthorLavinia
    • CommentTime05/02/2010, 14:18 modiFICAto
      1 punto
    Qui si parla di libri, no? Quindi vi informo che oggi ho preso in biblioteca "Ecco perché mi odiano" di Takeshi Kitano.
    Ho già letto il primo capitolo e [misoginia] trovo magnifico il modo in cui se la prende con le signore di mezza età. [/misoginia]
  5.   0 punti
    Foniuglia is not amused
    Foniuglia is not amused
    •  
      CommentAuthorLavinia
    • CommentTime05/02/2010, 14:41
      1 punto
    Ma Foniuglia NON è una signora di mezza età! E non è nemmeno giapponese, anzi sono convinta che anche Takeshi Kitano la troverebbe fantastica!
    •  
      CommentAuthorMeemmow
    • CommentTime05/02/2010, 15:29
      0 punti
    Posted By: Lavinia Ma Foniuglia NON è una signora di mezza età! E non è nemmeno giapponese, anzi sono convinta che anche Takeshi Kitano la troverebbe fantastica!


    Kitano Takeshi

    Takeshi's gonna take Foniuglia out.
    •  
      CommentAuthorDr House
    • CommentTime05/02/2010, 22:52
      0 punti
    Per voi amanti di Nick Hornby: io il protagonista di "Alta Fedeltà" l'avrei preso a pugni tanto era scemo.
    Non so se sia merito o demerito dell'autore, che peraltro non è tra i miei favoriti.
    •  
      CommentAuthorferilli
    • CommentTime12/02/2010, 12:30
      1 punto
    Stanotte ho finito di leggere "Moby Dick" (dovevo colmare lacuna di cultura generale, quando sentivo parlare di Achab e balena bianca annuivo per non fare figure di merda).

    Purtroppo, causa stanchezza e ora tarda, non ho capito se nel casino generale (ultimo capitolo: "l'Abisso") muore anche Moby Dick!

    Finale aperto per sequel del libro?

    Non ho capito un cazzo?

    (propenderei per la 2a ipotesi)
    •  
      CommentAuthorChoolaudia
    • CommentTime12/02/2010, 13:00 modiFICAto
      1 punto
    Data la mia trasferta a Venezia del weekend scorso ho letto "Venezia è un pesce" di Tiziano Scarpa.
    E' un libro piacevolissimo, a metà tra la guida e la non guida, nonostante si sottotitoli "Una guida".
    Uno dei pochi libri non guide ufficiali sul quale ho scritto (a matita).
    Più che suggerire posti da visitare o percorsi dà un sacco di indicazioni anche curiose da spendere coi vostri compagni di viaggio! :)

    ...ora posso tornare ad Hornby.

    PS: ferilli, rimanga tra noi, ma nemmeno io ho mai letto Moby Dick...
    • CommentAuthorBlackDog
    • CommentTime12/02/2010, 15:20
      0 punti
    Moby Dick snuotazza via portando seco il cadavere di Achab.
    •  
      CommentAuthorlelev*
    • CommentTime12/02/2010, 15:58
      3 punti
    Darth Vader è il padre di Luke Skywalker.
    •  
      CommentAuthorDr House
    • CommentTime12/02/2010, 16:39
      1 punto
    Posted By: lelevez Darth Vader è il padre di Luke Skywalker.

    Noooooooooooooooooooooooooooooo!
    •  
      CommentAuthorSonoGrasso
    • CommentTime12/02/2010, 17:16
      -2 punti
    Ho finito tutta la raccolta di "Buongiorno" di Gramellini, bravo bravo, interessante
  6.   0 punti
    Posted By: lelevez Darth Vader è il padre di Luke Skywalker.


    Si, ma delle voci dicono che non hanno mai avuto dei buoni rapporti...

    •  
      CommentAuthorflanella
    • CommentTime13/02/2010, 17:46
      4 punti
    Salve.
    finalmente ho avuto modo di finire 1984 e adesso ho paura della vita.
    •  
      CommentAuthorManovella
    • CommentTime01/06/2010, 15:47 modiFICAto
      1 punto
    rispolvero sto coso...e vi chiedo...
    Ma "guida intergalattica per autostoppisti"? eh? ceh mi raccontate? me lo leggo?
    Il tutto è partito dal towelday...no nsapevo che cavolo fosse...e ho gugolato nu pochett'...e ho saputo....

    per il mmomento sto per finire a "In asia" di Terzani, che ho interrotto più volte, ma che mi piace tanto tnato tanto...

    Peri l prox sono indecia, continuo con il filone asiatico e inizio qualche libro sull'india (ne ho un pò) mi butto su "come diventare buoni" di Hornby...o "L'amnore ai tempi del colera"?

    Due mesi fa ho abbandonato il libro dell'inquietudine di pessoa...mi stava portando al suicidio...però è bellissimerrimo!
    •  
      CommentAuthorLavinia
    • CommentTime01/06/2010, 16:00 modiFICAto
      2 punti
    Posted By: Manovella rispolvero sto coso...e vi chiedo...
    Ma "guida megagalattica per autostoppisti"? eh? ceh mi raccontate? me lo leggo?
    Il tutto è partito dal towelday...no nsapevo che cavolo fosse...e ho gugolato nu pochett'...e ho saputo....

    Io ho letto quattro libri su cinque della saga della Guida galattica (il quinto, in edizione Mondadori, è uscito più o meno uno o due anni dopo aver letto gli altri, prima lo si poteva trovare solo recuperando il vecchio numero di Urania sul quale era stato pubblicato originariamente).
    Di mio, posso dirti che il primo libro - "Guida galattica per gli autostoppisti" - mi è piaciuto veramente veramente un casino. Cinque stelline. Il secondo - "Ristorante al termine dell'Universo" - anche è molto carino, però secondo me manca qualcosa. Quindi quattro stelline.
    Il terzo ("La vita, l'Universo e tutto quanto") e il quarto ("Addio, e grazie per tutto il pesce") son carucci però mi sono piaciuti relativamente meno rispetto ai primi due. Da qualche parte ho letto che il quarto è stato scritto anche in modo abbastanza frettoloso e che neanche Douglas Adams era molto soddisfatto del risultato.
    Il quinto libro, "Praticamente innocuo", non ho ancora avuto modo di leggerlo ma, stando alla sinossi, c'è un salto temporale di una quindicina di anni e vari eventi che racconterebbero il "dopo".

    In ogni caso è fantascienza leggera, quindi puoi benissimo leggerli anche se non ami il genere. Personalmente li ho trovati molto divertenti, sono una lettura che consiglio a tutti!
    •  
      CommentAuthorQiQQo
    • CommentTime01/06/2010, 16:00
      1 punto
    Posted By: Manovella Ma "guida intergalattica per autostoppisti"? eh? ceh mi raccontate? me lo leggo?



    sìsìsìsìsìsì assolutamente da leggere, io non l'ho ancora fatto, ma mi sono ripromesso di buttarmici a capo fitto appena finisco 1984 (tra l'altro citato proprio in questa pagina)

    da leggere anche solo per il fatto che l'autore l'ha definita una "trilogia in cinque parti"
    •  
      CommentAuthorChoolaudia
    • CommentTime01/06/2010, 16:11 modiFICAto
      1 punto
    Guarda Manov, io tra quelli che hai citato ho letto Guida galattica per autostoppisti, il primo della saga, non sono (ancora) andata avanti, e Come diventare buoni.

    La Guida mi è piaciuta (4 stelle di anobii) e te la consiglio. Poi è leggerino, va via veloce. Leggilo.
    Come diventare buoni credo che sia il libro del buon Nick che mi è piaciuto di meno... ma l'ho letto anche parecchi anni fa.


    Recentemente ho letto un altro Murakami: Kafka sulla spiaggia. Mi è piaciuto molto. C'è qualche altro fan di Murakami qua nel buko?
    •  
      CommentAuthorManovella
    • CommentTime01/06/2010, 16:18
      1 punto
    Murakami me l'hanno consigliato numerosi amici....io voelvo iniziare con NorwegianWood (per colpa el titolo lo ammetto! :D) Ma qualcuno sa dirmi perchè PERCHè nella versione italiana il titolo è cambiato? ed è magicamente diventato TokyoBlues???? Cioè NorwegianWood è internazinale come cosa!!!
    ecchecccazz'! :)
    ù

    Un altro mio amico miha consigliato una scrittrice della quale, però, ho dimenticato tutto...dal nome, alla nazionalità (ricordo solo che è dell'est!) al titolo di qualceh opera...
    RIcordo solo che si tratta di una trilogia...e che scrive in maniera molto sofferta...cazz'...non mi verrà mai in mente...vabbè glielo chiedo...
    •  
      CommentAuthorLavinia
    • CommentTime01/06/2010, 16:19 modiFICAto
      0 punti
    Posted By: ChoolaudiaRecentemente ho letto un altro Murakami: Kafka sulla spiaggia . Mi è piaciuto molto. C'è qualche altro fan di Murakami qua nel buko?

    Uff, io non sono ancora riuscita a leggere un cacchio di suo.
    Su consiglio di un'amica, qualche anno fa comprai "Norwegian Wood - Tokyo Blues" e stavo per mettermi a leggerlo finché un mio amico mi dice di non iniziare da quello, ma da di leggere prima "Dance Dance Dance". Che però viene subito dopo. Siccome non sapevo più a chi dare retta decisi di fare una cosa molto bella: leggere le opere in ordine cronologico. Nella cronologia riportata da Wikipedia, i primi due romanzi mi pare siano inediti in Italia, quindi avrei voluto partire con "Nel segno della pecora" se non fosse che era introvabile! La vecchia edizione era esauritissima, non l'avevano più neanche in biblioteca. Recentemente però l'hanno ristampato (sotto etichetta Einaudi), quindi, appena avrò un po' di tempo, cercherò di leggerlo.

    Posted By: ManovellaUn altro mio amico miha consigliato una scrittrice della quale, però, ho dimenticato tutto...dal nome, alla nazionalità (ricordo solo che è dell'est!) al titolo di qualceh opera...
    RIcordo solo che si tratta di una trilogia...e che scrive in maniera molto sofferta...cazz'...non mi verrà mai in mente...vabbè glielo chiedo...

    Agota Kristof?
    •  
      CommentAuthorChoolaudia
    • CommentTime01/06/2010, 16:34
      0 punti
    Anch'io approvo la lettura cronologica.
    Tokyo Blues - Norwegian Wood è stato il mio primo libro di Murakami e l'ho iniziato perchè citato in un altro libro che mi è piaciuto molto: Non so di Licalzi.
    Poi ho letto nell'ordine (mi pare): La ragazza dello Sputnik, Dance dance dance, A Sud del confine, a Ovest del sole, L'uccello che girava le viti del mondo e, appunto Kafka sulla spiaggia. Quest'ultimo e Dance dance dance sono quelli a cui do 5 stellette.
    •  
      CommentAuthorLavinia
    • CommentTime01/06/2010, 16:46 modiFICAto
      0 punti
    A volte è la lettura cronologica è l'unica soluzione. O, quantomeno, quella preferibile.
    Ho fatto la stessa cosa con Banana Yoshimoto: non avevo mai letto nulla di suo e volevo provare a farlo, ma non riuscivo a capire da quale libro partire. Chi me ne diceva uno, chi un altro, chi mi diceva di non leggere proprio nulla perché non ne valeva la pena.
    Così ho mandato a cagare tutti e ho preso la cronologia, ho visto che il primo era Kitchen e son partita da lì. Poi figurati, con tutte le tessere di biblioteche che ho adesso (quattro!) avoglia che mi diverto!
    :D
    •  
      CommentAuthorDr House
    • CommentTime01/06/2010, 17:49
      0 punti
    E di Tullio Avoledo avete mai letto nulla? Consigliovi i primi tre romanzi.
    •  
      CommentAuthorsae
    • CommentTime01/06/2010, 18:17
      0 punti
    Consiglio "Guida Galattica..." caldamente. Ma ho letto solo il primo libro della saga.

    1984 DEVE essere letto.

    Norwegian Wood mi aveva messo una certa tristezza addosso...
    •  
      CommentAuthorMeemmow
    • CommentTime01/06/2010, 19:46
      0 punti
    Oh che bello, finalmente si torna a parlare di libri!
    Sto rileggendo il primo volume dei racconti di Lovecraft edito da Mondadori (comprendente il periodo dal 1897 al 1922), e mi sa che proseguirò col resto dell'opera: se siete alla ricerca di emozioni forti e suggestioni mistiche, Lovecraft fa al caso vostro.
    Vorrei anche tornare a leggere Stephen King, visto che nella mia libreria è presente solo Pet Sematary: o Grumo e kinghiani del Buko, orsù consigliatemi!
    •  
      CommentAuthorPasquale
    • CommentTime01/06/2010, 20:21
      0 punti
    Posted By: Manovella rispolvero sto coso...e vi chiedo...
    Ma "guida intergalattica per autostoppisti"? eh? ceh mi raccontate? me lo leggo?
    Il tutto è partito dal towelday...no nsapevo che cavolo fosse...e ho gugolato nu pochett'...e ho saputo....

    per il mmomento sto per finire a "In asia" di Terzani, che ho interrotto più volte, ma che mi piace tanto tnato tanto...

    Sì che lo devi leggerlo!

    +1 per Terzani.

    Io ho ri-letto da poco "Due storie del porto di Bahia" di Jorge Amado.
    •  
      CommentAuthorManovella
    • CommentTime01/06/2010, 21:10 modiFICAto
      0 punti
    Meemmow...senza dubbio: l'ombra dello scorpione, la zona morta, it, shining non puoi "lisciarli", un pò come panarea! Ma vai abb. sul sicuro con tutto King (anchei lcantante!)

    Terzani è +infinito...non bastano tanti più uno!!!

    ok comprerò la guida prossimamente!!
    •  
      CommentAuthorMeemmow
    • CommentTime01/06/2010, 21:25
      0 punti
    Posted By: Manovella Meemmow...senza dubbio: l'ombra dello scorpione, la zona morta, it, shining non puoi "lisciarli", un pò come panarea! Ma vai abb. sul sicuro con tutto King (anchei lcantante!)


    Grazie Manov, seguirò il tuo consiglio! :)
    E adesso torno alla lettura del secondo capitolo de "La paura in agguato", da cui hanno tratto un mediocre horrorazzo con Rutger Hauer.
    •  
      CommentAuthorALE
    • CommentTime01/06/2010, 22:14
      3 punti
    Posted By: sae Norwegian Wood mi aveva messo una certa tristezza addosso


    E' un po' il suo bello.
    E questa frase vale anche come esercizio di synthetic-recension estremo.
    •  
      CommentAuthorJesso
    • CommentTime20/06/2010, 13:42
      0 punti
    salve! io consiglio di leggere "La biblioteca dei morti" di Glenn Cooper e anche il sequel uscito recentemente: "Il libro delle anime". :D buona lettura a tutti!
    •  
      CommentAuthorGrumo
    • CommentTime22/06/2010, 15:52
      1 punto
    Posted By: Meemmow Vorrei anche tornare a leggere Stephen King, visto che nella mia libreria è presente solo Pet Sematary : o Grumo e kinghiani del Buko, orsù consigliatemi!

    Io consiglio sempre, quando è possibile, di seguire l'ordine di pubblicazione dei libri.
    Specialmente nel caso di King, in cui spesso e volentieri ricorrono riferimenti incrociati tra le diverse opere.
    Se hai solo Pet Sematary e hai letto solo quello, hai già cominciato bene, ma ora torna indietro, comincia da Carrie e procedi in sequenza.

    E chiedi, quando hai bisogno. ;-)

    Ciao
    Grumo
    •  
      CommentAuthorFrash
    • CommentTime22/06/2010, 15:57
      1 punto
    Posted By: Choolaudia Recentemente ho letto un altro Murakami: Kafka sulla spiaggia . Mi è piaciuto molto. C'è qualche altro fan di Murakami qua nel buko?

    Io! Io! Anche io di recente ho letto Kafka sulla spiaggia. Mi ha ricordato un po' Earthbound (il gioco per SNES)... Boh.
    •  
      CommentAuthorChoolaudia
    • CommentTime22/06/2010, 23:25
      1 punto
    A me no... chissà perchè :)
  7.   0 punti
    ma qualcuno ha comprato il libro di spinoza? ogni volta che passo in libreria mi perdo tra gli scaffali a scrutare libri e me ne dimentico...poi c'è il fatto che ho ancora appeso "i racconti della kolyma" e se ne comincio un altro ho la sensazione di abbandonarlo e non finirlo più...anche se so già che spinosa lo finirò in 48 ore...
 

Welcome to the Handicap Site. We have cookies!