MENU:

Marok.org > Farinei dla brigna | Elio e le Storie Tese | Cumpa | Inutility | Links | Faq | Ghestbuk

Elio > Biografia | Recensioni | Midi | Video ed mp3 | Disegni | Foto | Links | Discografia | Dizionario | Ghiotti scambi

LOADING...
  Sei in: Marok.org > Elio > Discografia > Inediti > S'imbriaghera


S'IMBRIAGHERA

Versione in lingua sarda della celebre Burattino senza fichi, già pubblicata in italiano sull'album Eat the Phikis e qui riadattata con la collaborazione dei Tenores di Neoneli!
Trascrizione e traduzione a cura di Alessio Pusceddu, dalla registrazione di Federica Piras del Live in Sassari 1/6/2000, riveduta e corretta da Afefinafufia!


Una bella imbriaghera
mi che chingo cun s'amigu meu.
A su mancu mi cumprendet,
semper senza batallae.

Issu ischit ca malassortau
seo naschiu, e ite di fazzo?

Femina non du ada in bidda mia,
chi m'ammoste' cara bella
epuru non seo de che fuliae,
sa presenzia non mi mancat,
e nde pozzo aregallae.

Seo naschiu bellu, sanu e forte,
che unu continentale,
ma a sas paesanas,
non de dis importat nudda, no.

Abbile, in letu abbile,
cuaddu 'e arrazza, seo abbile,
ma abbarro solu però.
S'alidu, forzis est s'alidu,
pulidu pulidu pulidu,
che-i sa feghe de una carrada.

Non mi pare mancu beru,
custas femineddasa de oe,
non ti cheren cando bufas,
non ti cagant'agiumai.

Si non bufas non tenes amigos,
e senza inu, mengius mortu.
Nono, non mi paret beru,
prus due penzo e prus m'intendo forte che
un'omine, arrazz'e omine,
ponie in suta sa femina
di fazzo bier chie est omine.

Alidu, non che nd'ad'alidu
ma un'amante sensibile
a su inu e a sas feminas.

Arrazz'e dentifriciu

Su cannonau, su inu cannonau,
e cantu prus ti nde bufasa
Prus ti nde cheret bufae
Feminas, fuie feminas,
lassae biver cust'omine
solu, cun s'ampudda in manos.
TRADUZIONE: LA SBRONZA

Una bella sbronza mi prendo con il mio amico.
Almeno lui mi capisce sempre, senza discussioni.
Lui sa che sono nato sfortunato, cosa posso farci?
In paese non c'è una donna che sia carina con me,

eppure non sono da buttare via,
non mi manca la bella presenza,
anzi di bellezza
posso regalarne agli altri.

Sono nato bello, sano e forte,
come un continentale,
ma alle paesane non importa nulla.

Abile, a letto abile,
sono un abile cavallo di razza,
ma resto solo,però.
L'alito, forse è l'alito
puzzolente, puzzolente, puzzolente,
come la feccia della botte.

Non mi sembra vero,
queste donnette odierne,
non ti vogliono se bevi,
quasi non ti cagano.

Se non bevi non hai amici,
e senza vino meglio morire.
No, non mi sembra vero,
più ci penso e più mi sento forte come un'uomo,
mettete sotto una donna le dimostro chi è uomo.

Alito, non c'è l'alito che tenga,
ma un amante sensibile al vino e alle donne.

Che bel dentifricio...
...il cannonau,
il vino cannonau,
e quanto più ne bevi e più ne vuoi bere.

Femmine, andate via femmine,
lasciate vivere quest'uomo,
solo, con la bottiglia in mano.



Grazie a Federica Piras per il sorgente,
ad Alessio Pusceddu per la trascrizione in lingua sarda e la traduzione in italiano,
e ad Afefinafufia per la revisione finale!


Se vi piacciono le traduzioni di Elio in Sardo, non mancate di dare anche un'occhiata a Sa terra su ventu (La terra dei cachi), Sa Murra (Shpalman) e Sas raighinas (Abitudinario)!