Non sei loggato (Login)

Ricerca Veloce

  • Inutility e Linx

    • Archivio Audio/Video
    • Banner
    • Blog
    • Chat
    • Foto (Cumpa)
    • Foto (EelST)
    • Ghestbuk
    • History
    • I Siti Strani
    • Piombino
    • KAAAAAAASTROX!




    • Questo forum è stato realizzato da Marok basandosi sul progetto open-source Vanilla 1.1.5a, realizzato da Lussumo. Su Internet trovate la Documentazione e la Comunità di Nerd che ci stanno dietro. A breve, rilascerò il codice sorgente di questo forum... giusto il tempo di rileggere con calma le minkiate che ho scritto! :)

Vanilla 1.1.5a is a product of Lussumo. More Information: Documentation, Community Support.

    •  
      CommentAuthorkraus
    • CommentTime11/10/2019, 10:32 modiFICAto
      5 punti
    Come avete conosciuto gli Eelst?

    Qual è stata la prima frase/battuta del complessino che è giunta al Vs. orecchio o v'è saltata agli occhi in gioventù?
    E la prima canzone, anche solo canticchiata/fischiettata/ritmata/uhmmata da altri?
    E il primo CD/vinile/musicassetta/fax di Elio che ha trovato ricetto in casa vostra?

    La conoscenza eliistica è avvenuta per me in modo del tutto casual(e) nel giugno 1990, un giorno in cui leggevo Zzap!, rinomata rivista di videogiuochi.
    Durante la spulciatura della posta m'imbattei nella frase «Tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il"­­», che un lettore citò e il redattore addetto alla posta riconobbe al volo. Carro era già considerato un classico.

    La prima canzone citata da conoscenti con tanto di sonoro è stata Il vitello dai piedi di balsa qualche anno dopo. Avevo quindi già colto lampi e indizi della genialità eliica eppertanto, quando ascoltai l'audiocassetta di İtalyan, Rum Casusu Çıktı, mio primo album di Elio, ero già spiritualmente pronto.

    Ah, dimenticavo: il primo concerto a Collegno, nel Parco della Certosa Reale il 17/08/2008, in terza fila, dove ho cantato come se non ci fosse uno ieri.
  1.   4 punti
    Io ho conosciuto gli elii con Eat the phikis, poi ho scoperto che le amiche Annalisa e Maria Grazia erano anche Fave... attraverso di loro ho conosciuto Governatora e tutti gli altri.
    Subito mi sono affezionata a Rocco Tanica ma anche Christian è nel mio cuore. Ho sempre amato vedere i Nostri nei live, il primo a cui ho partecipatoè stato a Bari nel 2002 e poi in trasferta a Policoro (Mt) nel 2004 (quando FabrizioP ha restituito la parrucca ad Elio).
    •  
      CommentAuthorlelev*
    • CommentTime11/10/2019, 11:24
      4 punti
    Il primissimo contatto con il Simpatico Complessino è avvenuto nel '90, quando avevo 9/10 anni, quando alla radio passavano, prima che passassero gli apriculi, Born to be Abramo. Poi le sigle di Mai dire gol e le cassettine pirata di ESHKT e IRCC un paio di anni più tardi.
    •  
      CommentAuthorelviro
    • CommentTime11/10/2019, 12:35
      6 punti
    La primissima volta, avrò avuto 13 o 14 anni, me ne ha parlato mia sorella che all'epoca era fidanzata con Grussu, Mi parlava di questo gruppo di amici che facevano concerti buffissimi e in cui dicevano un sacco di parolacce, per darmene dimostrazione mi ha canticchiato "Faro" e "El Sciur Francesco".
    Poco dopo ho visto il mio primo concerto al Magia con proiezione di video hard al contrario sui monitor, e fu chiaro da subito che il vero segno distintivo del gruppo era l'amore.
    •  
      CommentAuthorsae
    • CommentTime11/10/2019, 12:37
      6 punti
    Nel 1989 /90, quando io e mio fratello avevamo 9 anni, ce li fece conoscere un nostro vicino di casa di due anni più grande. Ascoltavamo con il suo walkman di nascosto una cassettina (che anni dopo scoprii essere Elio Samaga), ci piaceva Silos perchè diceva le parolacce, le altre le avrò ascoltate 1 volta perchè non me la duplicò.

    Negli anni successivi li seguii "a distanza": nel 1992 il Pippero col jukebox, dal '94 a mai dire gol/tv, nel 96 a Sanremo, poi nel 97 con Born to be Abramo.

    Nel dicembre '98 finalmente decido di investire 100.000lire (che per me erano tante) nel cofanetto Perle ai Porci, da quel momento la passione divampò e non si spense (quasi) mai.

    Primo concerto nel '99 ad una Sagra del peperone, pochi concerti all'inizio perchè mi muovevo poco, poi ne ho visto una ventina.
    Dopo 20 anni sono ancora qui a cercare di tramandare il verbo di Elio con il progetto del Vero Cofanetto Falso :-)
    • CommentAuthorDeadnature
    • CommentTime11/10/2019, 16:38
      6 punti
    Il primo incontro fu nel 1994 con "Nessuno allo stadio" in versione sigla di "Rai dire Mondiali", seguito a breve distanza dalla cassettina di Repubblica "L'Italia del rock", intensamente ascoltata nei viaggi in macchina familiari: "l'assaggio di 40 minuti" si chiudeva con "Pipppero". Negli anni successivi la conoscenza si è limitata alle loro produzioni per la Gialappa's (sigle, colonna sonora di "Tutti gli uomini del deficiente", partecipazioni in studio).

    L'innamoramento vero arrivò invece nel 2003, in particolare grazie al concerto che chiuse l'MTV Day di quell'anno (https://www.youtube.com/watch?v=7CBvx9h7aSM).

    Il primo concerto nel 2006 a Tione di Trento: scaletta "Qualità Oro" che so non essere nel cuore delle Fave storiche, ma il primo concerto resta il primo concerto. Ne sono seguiti un'altra quindicina, e un po' spiace non siano stati di più.

    Chiuso il momento nostalgia, torno a sbobinare Cordialmente.
    • CommentAuthorDeadnature
    • CommentTime11/10/2019, 16:46
      5 punti
    Posted By: kraus
    La conoscenza eliistica è avvenuta per me in modo del tutto casual(e) nel giugno 1990, un giorno in cui leggevo Zzap!, rinomata rivista di videogiuochi.
    Durante la spulciatura della posta m'imbattei nella frase «Tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il"­­», che un lettore citò e il redattore addetto alla posta riconobbe al volo. Carro era già considerato un classico.


    Ho letto di recente un articolo sullo sbarco del Game Boy in Italia (https://www.ludicamag.com/arrivo-del-game-boy-in-italia/), dove tra le altre cose viene riportato questo pezzo di "The Games Machine" datato Ottobre 1990. Si chiude anch'esso con una citazione eliatica, che per di più fa riferimento a un brano all'epoca inedito: tu chiamala se vuoi egemonia culturale.

    TheGamesMachine-EelST
    •  
      CommentAuthorkraus
    • CommentTime11/10/2019, 17:09 modiFICAto
      4 punti
    Posted By: Deadnature
    Posted By: kraus
    La conoscenza eliistica è avvenuta per me in modo del tutto casual(e) nel giugno 1990, un giorno in cui leggevo Zzap!, rinomata rivista di videogiuochi.
    Durante la spulciatura della posta m'imbattei nella frase «Tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il"­­», che un lettore citò e il redattore addetto alla posta riconobbe al volo. Carro era già considerato un classico.


    Ho letto di recente un articolo sullo sbarco del Game Boy in Italia ( https://www.ludicamag.com/arrivo-del-game-boy-in-italia/ ), dove tra le altre cose viene riportato questo pezzo di "The Games Machine" datato Ottobre 1990. Si chiude anch'esso con una citazione eliatica, che per di più fa riferimento a un brano all'epoca inedito: tu chiamala se vuoi egemonia culturale.

    TheGamesMachine-EelST


    Dal che si può dedurre che tra i primi fan di Elio si annoveravano videogiocatori incalliti :D

    Ad avvalorare la tesi c'è una quasi citazione di Únanimi, colta ancora su Zzap! (maggio 1990): "Siamo sempre d'accordo su tutto, tranne sulle cavolate (ciascuno di noi infatti spara quello che gli pare)". Mancava un mese alla rivelazione, ma già c'erano le avvisaglie.
    •  
      CommentAuthorelviro
    • CommentTime11/10/2019, 18:54
      3 punti
    Posted By: kraus
    Posted By: Deadnature
    Posted By: kraus
    La conoscenza eliistica è avvenuta per me in modo del tutto casual(e) nel giugno 1990, un giorno in cui leggevo Zzap!, rinomata rivista di videogiuochi.
    Durante la spulciatura della posta m'imbattei nella frase «Tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il"­­», che un lettore citò e il redattore addetto alla posta riconobbe al volo. Carro era già considerato un classico.


    Ho letto di recente un articolo sullo sbarco del Game Boy in Italia ( https://www.ludicamag.com/arrivo-del-game-boy-in-italia/ ), dove tra le altre cose viene riportato questo pezzo di "The Games Machine" datato Ottobre 1990. Si chiude anch'esso con una citazione eliatica, che per di più fa riferimento a un brano all'epoca inedito: tu chiamala se vuoi egemonia culturale.

    TheGamesMachine-EelST


    Dal che si può dedurre che tra i primi fan di Elio si annoveravano videogiocatori incalliti:D


    Nun mi stupisce...nerd antifiga :D
 

Welcome to the Handicap Site. We have cookies!