Non sei loggato (Login)

Ricerca Veloce

  • Inutility e Linx

    • Archivio Audio/Video
    • Banner
    • Blog
    • Chat
    • Foto (Cumpa)
    • Foto (EelST)
    • Ghestbuk
    • History
    • I Siti Strani
    • Piombino
    • KAAAAAAASTROX!




    • Questo forum è stato realizzato da Marok basandosi sul progetto open-source Vanilla 1.1.5a, realizzato da Lussumo. Su Internet trovate la Documentazione e la Comunità di Nerd che ci stanno dietro. A breve, rilascerò il codice sorgente di questo forum... giusto il tempo di rileggere con calma le minkiate che ho scritto! :)

Vanilla 1.1.5a is a product of Lussumo. More Information: Documentation, Community Support.

    •  
      CommentAuthorlelev*
    • CommentTime15/02/2020, 11:58
      2 punti
    Odissea terminata: doveva arrivare lunedì invece il monitor sostitutivo è arrivato stamattina. Integro et funzionante.
  1.   3 punti
    null
    •  
      CommentAuthorlelev*
    • CommentTime20/05/2020, 15:05
      5 punti
  2.   3 punti
    •  
      CommentAuthorMeg
    • CommentTime11/11/2020, 22:35
      0 punti
    Perché fino a due minuti fa il sito e il buko non mi si aprivano su firefox (mentre su chrome sì) che mi dava "impossibile connettersi al sito"?

    C'entra qualcosa che ogni tanto lo sto vedendo in https e ogni tanto no?
    •  
      CommentAuthorMarok
    • CommentTime12/11/2020, 03:06 modiFICAto
      0 punti
    Posted By: MegC'entra qualcosa che ogni tanto lo sto vedendo in https e ogni tanto no?

    Be', io non ho mai attivato l'https, quindi se non dà errore è un errore, se funziona non funziona!

    PS: curioso, in questo momento anche a me funziona con https... ma non ci farei troppo affidamento (per essere riconosciuto come sicuro in https, dovrei modificare parecchi indirizzi interni alle pagine).
    •  
      CommentAuthorGrumo
    • CommentTime16/11/2020, 13:45
      4 punti
    Posted By: valecalimero 1234

    Scrocco Valigia
    •  
      CommentAuthorMarok
    • CommentTime10/12/2020, 01:00
      3 punti
    Corel Draw: non si è verificato alcun errore

    (tnx Enrico M.)
  3.   4 punti
    •  
      CommentAuthorMarok
    • CommentTime30/01/2021, 19:55 modiFICAto
      3 punti
    A settembre 2021, Corrado Augias pubblicava un libro chiamato: "Breviario per un confuso presente", una sorta di "bussola per navigare sicuri in Internet"... perché il www è pieno di insidie!

    Corrado Augias, oggi, racconta la sua nuova disavventura.
    In una missiva elettronica scritta in un pessimo italiano, l'ENEL (sottolineo ENEL, non l'amministrazione di un piccolo borgo sperduto!) lo avvisava di un rimborso in scadenza.
    Il buon Corrado naturalmente ha cliccato, erano 92.72 euro, buttali via! Solo che... volevano sapere la sua password.
    Certo l'ENEL avrà i suoi buoni motivi e che problema c'è, gliel'avrebbe mandata... solo che... niente, purtroppo, NON se la ricordava.
    Che peccato, 92.72 euro persi così... ma pazienza, ripetiamo la cosa importante: tutto in un PESSIMO ITALIANO! L'ENEL!!!1
    Titolo: "La postilla tutta italiana delle inefficienze". Ecco qua:

    Corrado Augias: la postilla tutta italiana delle inefficienze
    •  
      CommentAuthorHuber
    • CommentTime01/02/2021, 13:21
      0 punti
    •  
      CommentAuthorMarok
    • CommentTime02/02/2021, 02:13 modiFICAto
      3 punti
    Dal 2021, come sapete, se aggiornate il browser non va più Flash.
    E quindi, pur di non rifare il sito, l’agenzia delle entrate sudafricana ha creato un browser da zero!

    http://leganerd.com/2021/02/01/adobe-flash-pur-di-non-rifare-il-sito-lagenzia-delle-entrate-sudrafricana-ha-creato-un-browser-da-zero/

    EDIT: Siccome l’agenzia delle entrate sudafricana si chiama SARS (South African Revenue Service), il browser si chiama SARS eFiling Browser... e, ovviamente, supporta Flash!
    Che dite, lo proviamo?
    •  
      CommentAuthorMarok
    • CommentTime22/02/2021, 14:45
      5 punti
    Ogni tanto, nei gruppi di nerd, ci si raccontano le esperienze di vita reale in cui il completo analfabetismo informatico di professionisti di altri settori ha CENTRATO la catastrofe... o l'ha sfiorata, come in questo caso.
    Un avvocato ha cercato di dichiarare nullo un documento (rilevante per un processo) perché gli era stato inviato in un formato assolutamente impossibile da leggere: lo ZIP.

    Potrebbe averlo fatto apposta... oppure essere un incapace autentico, non ci interessa.

    Per quelli di voi che hanno a che fare con la pubblica amministrazione, oppure col virus dell'anagrafe partito da Torino grazie a quella che poi è stata promossa a ministro, o con la burocrazia in generale, le frasi esatte con cui la corte di cassazione ha messo a tacere l'incapace, con tanto di umiliazione finale, possono tornare utili in futuro. Buona lettura!

    ***

    CORTE DI CASSAZIONE
    SEZIONE TERZA CIVILE
    SENTENZA N. 14827
    20 LUGLIO 2016


    [...]

    4. Con il terzo motivo del ricorso principale si lamenta, in riferimento all'art. 360 c.p.c., comma 1,
    n. 4), nullità della sentenza e del procedimento in riferimento all'art. 153 c.p.c., comma 2 e art.
    208 c.p.c..

    La doglianza riguarda la parte della sentenza definitiva con la quale la Corte d'appello ha dichiarato
    la Ba. decaduta dalla prova anzichè riconoscere la scusabilità dell'errore. Con una complessa
    ricostruzione in fatto della vicenda, il motivo in esame pone in evidenza che l'avviso da parte della
    cancelleria della Corte d'appello, tramite PEC, della fissazione di un'udienza per l'audizione dei
    testi conteneva vari allegati, alcuni dei quali non furono aperti per un'irregolarità del loro formato
    elettronico (file pdf.zip) che non riportava l'icona identificativa del documento da leggere
    . Tale
    circostanza era stata dimostrata, secondo il,ricorrente, da apposita c.t. di parte prodotta davanti
    alla Corte d'appello. La valutazione sulla scusabilità dell'errore sarebbe, pertanto, errata.

    5. Con il quarto motivo del ricorso principale si lamenta, in riferimento all'art. 360 c.p.c., comma 1,
    n. 4), nullità della sentenza e del procedimento in riferimento all'art. 136 c.p.c., comma 2, del D.M.
    21 febbraio 2011, n. 44, artt. 12 e 34, nonchè dell'art. 16, comma 3 e art. 17, commi 1 e 2, del
    regolamento 18 luglio 2011 del Ministero della giustizia.
    La violazione lamentata dal ricorrente deriva dalla presunta violazione dei formati elettronici con i
    quali possono essere compiute le comunicazioni di cancelleria. Dopo aver ribadito che l'ordinanza
    della Corte d'appello di decadenza dalla prova avrebbe erroneamente richiamato l'art. 149-bis
    c.p.c., anzichè l'art. 136 c.p.c., attinente le comunicazioni di cancelleria, il motivo in esame
    lamenta che la mancata apertura del file contenente l'ordinanza istruttoria sarebbe dovuta al
    formato elettronico pdf.zip assunto nella comunicazione tramite PEC, mentre le norme suindicate
    ammettono solo la trasmissione del file nel formato PDF. 6. I due motivi, da trattare
    congiuntamente in quanto tra loro strettamente connessi, sono entrambi privi di fondamento.

    La Corte d'appello, nel confermare la decadenza della Ba. dall'assunzione dei mezzi istruttori già
    decisa con ordinanza, nella sentenza definitiva in esame ha ribadito che la mancata visualizzazione
    del file allegato era dipesa da un'errata configurazione del computer in uso al difensore
    . Tale
    accertamento in fatto, non più discutibile in questa sede, contiene anche una valutazione sulla
    scusabilità dell'errore, ritenuto nella specie inescusabile; e simile valutazione appartiene
    tipicamente al giudice di merito, il cui giudizio non è sindacabile in questa sede a meno che non sia
    del tutto immotivato o privo di una logica motivazione.

    Nel caso di specie, poi, la parte ricorrente ammette di aver ricevuto l'avviso e costruisce la propria
    censura essenzialmente dolendosi del fatto che il formato utilizzato per la comunicazione (pdf.zip)
    non sarebbe previsto dalla normativa vigente in materia di comunicazioni telematiche.
    I richiami normativi, però, non giovano alla parte ricorrente.

    E' noto, infatti, che il formato zip non muta il contenuto del documento, ma serve soltanto al fine
    di comprimere il file in sede di trasmissione, in modo che occupi uno spazio minore; non è, in
    questo senso, un formato diverso.
    Ne consegue che, alla luce delle "Specifiche tecniche" di cui del
    D.M. n. 44 del 2011, art. 34, richiamato nel motivo in esame - tanto nel testo vigente all'epoca dei
    fatti di causa (decreto del 18 luglio 2011) quanto in quello attualmente vigente (provvedimenti del
    16 aprile 2014 e 28 dicembre 2015) - risulta infondata la doglianza sulla scusabilità dell'errore,
    potendosi esigere dal difensore l'utilizzo di un'idonea configurazione del computer tale da
    consentire l'accesso al formato compresso
    .
    E' appena il caso di aggiungere, infine, che il semplice onere di diligenza che grava sul difensore
    avrebbe dovuto consigliare, in caso di dubbio, di rivolgersi alla cancelleria del giudice per risolvere
    il problema, eventualmente chiedendo una nuova trasmissione, tanto più che si era in una fase
    ancora iniziale delle comunicazioni telematiche (non risulta che ciò sia in alcun modo avvenuto).
    Il terzo ed il quarto motivo del ricorso principale, pertanto, devono essere respinti.
    Ricorso incidentale condizionato.

    ***

    (se siete interessati, mi sono scaricato il PDF. ve lo zippo?)
    •  
      CommentAuthorHuber
    • CommentTime08/03/2021, 10:13
      5 punti
    Sapevatelo ...

    •  
      CommentAuthorMarok
    • CommentTime28/03/2021, 17:44
      6 punti
    Solution
  4.   0 punti
    null
 

Welcome to the Handicap Site. We have cookies!