MENU:

Marok.org > Farinei dla brigna | Elio e le Storie Tese | Cumpa | Inutility | Links | Faq | Ghestbuk

Farinei > La band | Foto | Mp3 | Testi | Fanzine | Links | Niùs e date

LOADING...
Sei in: Home > Farinei > Fanzine - Corriere della brigna > Numero 10


La fanzine dei Farinei dla Brigna

CORRIERE DELLA BRIGNA

Fondato nel 2006

Anno 3 numero 2 - Giugno 2008


Finalmente!!! Era ora!!! Ragazzi, è uscito il nuovo singolo dei Farinei!!! Si intitola Celestin e potete ascoltarlo non solo a tutti i concerti del tour 2008 ma anche su Radio Valle Belbo!!! Inoltre potete scaricarlo dal sito www.farineidlabrigna.it. Nelle prossime pagine troverete il testo, così, dopo averlo imparato a memoria, potremo cantarlo tutti insieme ai concerti!

Vi ricordiamo, per chi non l'avesse già fatto, di rinnovare l'iscrizione al fanclàb per il 2008. Quest'anno abbiamo fatto fare le magliette nuove, sono bellissime!!! E' possibile fare il rinnovo a tutti i concerti oppure contattateci al numero di telefono che trovate in fondo alla pagina. Per chi non lo facesse purtroppo questa è l'ultima fanzine!

Come sempre vi ricordiamo le e-mail per contattarci:

ale.fanclub@farineidlabrigna.it
oriella.fanclub@farineidlabrigna.it
paola.fanclub@farineidlabrigna.it
paves.fanclub@farineidlabrigna.it
robi.fanclub@farineidlabrigna.it
silvia.fanclub@farineidlabrigna.it
fanclab@farineidlabrigna.it

e il telefono: 346/017.98.69

Lo staff del fanclàb

Celestin (Ca ma scusa)

Custa a l'è la storia ad Celesten
l'è nen tant bel, e gros pèi di 'n bocin
giranda 'nt ij pais a pasa l' sò giurnà
in sërca di na fia per gaveij 'l fià

A munta an sla coriera a la matin-a
a l'ha 'na strategia ca taca 'nt ij cujun
S'anseta lì davzin a la Giuana
a fa l'indifferente, per peui tachè butùn

Ca Ma scusa vurìa 'n informassion
a l'è costa la curriera ca a va a Castel d'Anun
ca ma scusa vurìa ëdcò saveij
se l'doni preferissu ij brut opura ij bei

Giuana a cala giù e Celestin da drè
peui chiel ij và dapress fin-a 'nden al panatè
lì a-i è l'Ernestin-a ca vènd ël pan
e chiel a fa finta 'd gnente,
peui a taca a fè 'l gadan

Chila a l'è 'na mata pròpi bèla
travaja cùn sò pare e la sorela
ma guarda cas a i j'ero tuti 'n fera
Chiel a n'aprofita e a part la Tiritera

Ca Ma scusa vuria 'n infurmassion
riguard a cul pagnòti ca t'hei 'n esposission
t'hei doi biòvi e 'n panaton da drè
ca mi am vèn fin-a veuja ëd femi panatè

CORO:
Ca Ma scusa vurìa 'n infurmassion
a l'è la strategia ca taca 'nt ij cujun
Tut 'l dì Celestìn avant 'n drè
e gira gira parla per pòdèj ciulè

Strumentale (ritornello)

Special (tribale)

Ernesti-na a l'è 'na blëssa (e-oh)
Celestìn l'è n'a schifëssa (e-oh)
chiel a ij dà 'n appuntamento (e-oh)
e scapa via cuma 'l vento (e-oh)

a ripart cun la curriera
e a va fin-a Valmanera (nana, na na na nannà)
qui a s'ancuntra cun Vanëssa
che l'è apen-a andaja a mëssa
(nana, na na na nannà)

a i dà 'n gancio cun so mari
quand ca sortu dal rosari
ma l'ha già vist ca a-jè Maria
e aij la bat anche a sò fia
e peu a ij ciàma a la Marisa
se a ij fa vùghi la barbìsa
e se propi è nèn na busa
anche cula 'd la sò amisa

a va fin-a a 'n ti na cròta
perché lì a-jè Pinota
peui às ricorda 'd l'Ernestin-a,
la Teresa e la Giuan-a
per nen perde la coriera
a deuv subit turnè 'n drera
tira l'ultima sua pera
salutanda la maslèra

Ma 'n corteo lento lento
sort a fora da 'n convento
e purtròp an sa manera
a ij fà pèrdi la coriera
cula dòp riès a ciapèla
ma ai-è gnanca 'na fumela
chiel a buta a testa fora
e cria: "Ciao Signora Suora!!!"

Ca ma scusa vuria 'n infurmassion
Sa l'è vei che 'l preive l'è 'n pòc 'n ciocatùn...

CORO:
Ca ma scusa vurìa 'n infurmassion
Celestin a l'è ura ca 't gavi da 'n ti cujun
e tra l'altro vuriu dercò saveij
se 'd tute 'ste bigioie
at n'hei vistne almeno 'n pèi

CELESTIN:
Ca ma scusa vuria 'n infurmassion
sa l'è mej andè 'n sel rischio
o se no dovrè 'l gundùn

A canone:
Ca ma scusa Ca ma scusa...
Veuti vughi Veuti vughi...

CORO: Veuti vughi cust qui a forsa ad parlè
'na vòlta o l'altra...

...a ries anche a ciulè!
BOM!
Lo staff del fanclàb

Bianca Brigna E I Cinque Strani

C'era una volta una ragazza che si chiamava Bianca Brigna. Questa ragazza faceva la commessa ai grandi magazzini "Il Palazzo" ed era molto brava, infatti le clienti volevano essere sempre servite da lei. La sua collega Giuana Regina era gelosa della sua bravura e un giorno decise di farle mobbing. Così iniziò a farle fare i lavori più noiosi come riordinare gli scaffali o pulire i bagni, a non darle il permesso per la pausa caffè, a mettere in disordine quando lei aveva appena riordinato e a parlare male di lei con le altre colleghe e le clienti. Dopo vari mesi di questo trattamento a Bianca Brigna stava quasi venendo un esaurimento nervoso così decise di licenziarsi e cambiare lavoro. Così fu assunta dalla concorrenza, il centro commerciale "Il Bosco". Qui lavoravano anche cinque tipi strani: Giosolo, Linulo, Dondolo, Lucolo e Dadolo. Giosolo e Dondolo lavoravano al reparto alimentari ed erano sempre disponibili a dare consigli di cucina. A tutte le clienti che lo chiedevano non esitavano a dare la loro ricetta speciale degli spaghetti alla chitarra. Linulo invece lavorava al reparto abbigliamento ed era specializzato in taglie conformate. Vendeva molti pantaloni specifici per l'uomo basso. Lucolo era addetto al reparto computer ed era uno specialista di mouse e tastiere. Infine Dadolo lavorava al reparto casalinghi ed era il miglior venditore di batterie di pentole del mese. Grazie all'arrivo di Bianca Brigna, al centro commerciale "Il Bosco" i clienti aumentarono perché gran parte della clientela dei grandi magazzini "Il Palazzo" decisero di cambiare supermercato per la spesa per continuare a farsi servire da lei. Ovviamente a Giuana Regina questa cosa diede molto fastidio così studiò un piano per farle perdere il lavoro. Si travestì da fornitore e fece in modo di farsi ricevere da Bianca Brigna che nel frattempo era diventata responsabile del reparto frutta e verdura. Così travestita riuscì a venderle delle mele transgeniche che, ovviamente, vennero subito esposte insieme all'altra frutta. Queste mele erano molto grandi, belle rosse, lucidissime e molto dolci e vennero comprate da un sacco di persone. Avevano però una particolarità: chi le mangiava iniziava a cantare canzoni in una lingua strana chiamata piemontese. Quando Bianca Brigna si accorse dell'errore che aveva fatto era ormai troppo tardi, tutte le mele transgeniche erano state vendute e la città pullulava di balenghi che cantavano. Il direttore del centro commerciale "il Bosco", il dottor Principe Celestin, la licenziò immediatamente e lei se ne andò piangendo pensando che dopo quello che era successo più nessuno l'avrebbe fatta lavorare. Per fortuna i cinque personaggi strani suoi colleghi avevano capito quello che era successo, parlarono col loro capo spiegandogli l'accaduto e gli proposero anche di sfruttare la situazione: gli dissero che si potevano formare un gruppo musicale che andasse in giro nei paesi a suonare e cantare in piemontese, bastava mangiare un paio di mele transgenice ciascuno prima di salire sul palco. Al dottor Principe Celestin l'idea piacque molto e si propose come manager del gruppo. Volevano chiamarsi "I Cinque Strani", ma Bianca Brigna disse che non andava bene. Allora, siccome tutto era nato da lei, dal suo errore nel comprare le mele transgeniche, decisero di chiamarsi "Farinei dla Brigna" in suo onore. Inoltre il dottor Principe Celestin assunse di nuovo Bianca Brigna al centro commerciale, la fece diventare responsabile del personale e le diede addirittura una macchina aziendale. Indovinate un po' che macchina era?

LA POSTA DI NOSTRADIAMOLA

Carissimi balenghi, sono sempre la vostra Nostradiamola e sono sempre a vostra disposizione per risolvere tutti i vostri problemi. Potete scrivermi all'indirizzo nostradiamola@farineidlabrigna.it e io vi risponderò in queste pagine.

Carissima Nostradiamola,
mi chiamo Giuseppa e sono una casalinga cinquantenne.
Fino a oggi ho avuto una vita normale: una bella casa, un marito, dei figli che intanto sono cresciuti, le bollette da pagare, ogni estate le vacanze al mare e così via.
Se devo fare un bilancio di questi anni, devo dirti che devo ringraziare il cielo di aver incontrato un uomo come mio marito, che mi ha sempre sostenuta e mi è sempre stato al fianco. Questo almeno fino a qualche tempo fa, quando qualcosa è cambiato fra noi. Ha cominciato a non desiderarmi più come prima; capisci cosa voglio dire? In senso biblico insomma. All'inizio ti confesso che non sapevo che fare, poi, dato che sono una donna di azione, una che non se ne sta seduta a guardare gli eventi, ho deciso di cercare di riconquistarlo. Ti confesso che ho fatto cose che mai e poi mai avrei sospettato di essere capace di fare. Pensa che addirittura ho cominciato a spruzzare con essenze di menta la cipolla cruda che tutte le mattine sono solita sgranocchiare prima di colazione -ho letto su "Novella 2001 (nello spazio)" che fa bene alla circolazione (del traffico), da allora la mia salute è cambiata da così a così, lo consiglio anche a te se non lo fai già-, per rendere ancora migliore il mio già gradevolissimo alito (non per nulla le mie amiche mi hanno soprannominato "pino silvestre"). L'altro giorno, al colmo della disperazione, ho perfino sottratto con l'inganno al mio maritino una lametta da barba, che ho poi adoperato di nascosto per disboscare la pur radissima peluria che chissà perché ha trovato nel corso degli anni un habitat naturale tra il mio naso e il mio labbro superiore.
Nonostante tutti questi accorgimenti niente! Mio marito non mi guarda più, anzi fugge quando mi avvicino! Che posso fare Nostradiamola?! Beh, l'altro giorno mentre facevo un giro fra le boutiques di Castagnello di Sopra, ho notato in vetrina un grembiulino molto sexy, di seta nero con i cordini di pizzo ricamato rosa. Credi che se provassi a cucinare il minestrone per mio marito indossando un tale capo di abbigliamento, lui tornerebbe da me?
Aiutami tu!!!
Giuseppa


Cara Giuseppa... o se preferisci cara Pino Silvestre,
tuo marito ha ragione a non avvicinarti... Ma tu mi metti l'essenza di menta sulla cipolla???? ORRORE!!!! Come minimo ci devi aggiungere anche del coriandolo e altre spezie...
Intanto ti sconsiglio il completino con il pizzo e tutte quelle robe lì; visto che dalla descrizione che mi hai fatto devi avere dei bellissimi baffi da carabiniere ti consiglio di cercare su internet (ma anche al mercato dell' usato) una bella divisa di tipo militare, che so da alpino oppure da granatiere... anzi no! Meglio ancora da bersagliere così con quelle piume c'è sempre il fascino del "vedo-non vedo" (o, visto l'alito, "annuso-non annuso"). Poi se avessi voglia di imparare una lingua straniera... non saprei... Ecco! Il francese sarebbe perfetto, così con una divisa addosso, la lingua francese e quei baffi puoi andare nella legione straniera! Vedrai che feste che ti faranno i tuoi compagni d'armi appena arrivi!
E potresti ricominciare a vivere secondo le leggi della giungla... e chissà, magari trovare un altro uomo...
Tua Nostradiamola

Date dei prossimi concerti!

VENERDÌ 20 GIUGNO 2008
Veglio (BI)

SABATO 21 GIUGNO 2008
Bagni di Vinadio (CN)

SABATO 28 GIUGNO 2008
Caselle (TO)

SABATO 5 LUGLIO 2008
Fenestrelle (TO)

SABATO 19 LUGLIO 2008
Andorno Micca (BI)

VENERDÌ 25 LUGLIO
Levice (CN)

VENERDÌ 1 AGOSTO
Marentino (TO)

SABATO 2 AGOSTO
Castelnuovo calcea (AT)

LUNEDÌ 11 AGOSTO
Casorzo (AT)

DOMENICA 17 AGOSTO
Bioglio (BI)

VENERDÌ 5 SETTEMBRE
Neive (CN)

SABATO 6 SETTEMBRE
Farigliano (CN)

Ringraziamenti

Lo staff del fanclàb ringrazia Elisabetta Gaiottino e Alessandro Battezzato per l'attiva collaborazione alla stesura e alla stampa di questa fanzine!