MENU:

Marok.org > Farinei dla brigna | Elio e le Storie Tese | Cumpa | Inutility | Links | Faq | Ghestbuk

Elio > Biografia | Recensioni | Midi | Video ed mp3 | Disegni | Foto | Links | Discografia | Dizionario | Ghiotti scambi

LOADING...
  Sei in: Marok.org > Elio > Collaborazioni > Biba Band


BIBA BAND
(cd 2006)

Il disco della Biba

La Biba Band è una supercoverband dei Weather Report, nel disco potete ascoltare uno splendido live del 2001 in quel di Cassano d'Adda. L'album sarebbe dovuto uscire a Natale del 2001, ma, a causa di alcuni temporanei "disguidi", vide la luce solo CINQUE anni dopo. Da qui la nascita dell'espressione "DDB", che nel linguaggio giovane vuol dire "Dopo il Disco Biba" (cioè MAI), poi sostituita dalle equivalenti "DLT" e "DGT" di cui vi parlerò un'altra volta.

La Biba Band è formata da:
Antonello Aguzzi (keyboards), Barbara Boffelli (vocals), Stefano Bollani (piano), Alberto Borsari (c.harmonica), Roberto Cecchetto (guitar), Daniele Comoglio (a.sax), Massimo Dedo (trombone), Stefano De Maco (vocals), Elio (vocals, flute), Marco Fadda (percussion), Faso (bass), Paola Folli (vocals), Maxx Furian (drums), Massimo Greco (trumpet), Christian Meyer (drums), Pacho (percussion), PiCosta (bass, up/bass, gtr), Francesca Touré (vocals), Bebo Ferra (guitar).

SCALETTA
  1. Victims of the Groove (Joe Zawinul)
  2. Rockin' in Rhythm (Ellington-Mills-Carney)
  3. Afro Part (Biba jam)
  4. Jungle Part (Biba jam)
  5. Confians (Weather Report)
  6. Three Views Of A Secret (Jaco Pastorius)
  7. No Mercy for Me (Mercy, Mercy, Mercy) (Oliver/Zawinul)
  8. Guitar Intro (R. Cecchetto)
  9. Black Water (Veasley/Zawinul)
  10. Volcano for Hire (Joe Zawinul)
  11. Can it be Done (W. Tee)
  12. Man in A Green Shirt (Joe Zawinul)
  13. Saduva (Miriam Makeba)
  14. Fanny Mae (Brown/Lewis/Robinson)
Il disco è acquistabile (o scaricabile a pagamento) dalla pagina:
www.elioelestorietese.it/?page=disco/album&id_prodotto=310.

Per informazioni aggiuntive:
http://www.bibaband.com/it/index.php?page=discolive

NB: Nel libretto, ci sono foto fottute a MAROK.ORG senza nemmeno l'ombra di un ringraziamento. Evviva!